Acquisti per un’economia a bassa intensità di carbonio

Il progetto GPP2020 ha contribuito a rendere gli acquisti a bassa intensità di carbonio una pratica comune e diffusa in Europa, a sostegno degli obiettivi stabiliti dalla Commissione Europea per il 2020: ridurre del 20% le emissioni di gas serra, aumentare del 20% il contributo delle fonti rinnovabili alla produzione di energia, aumentare del 20% l'efficienza energetica.

Negli ultimi anni, la consapevolezza in materia di acquisti pubblici verdi (GPP) è notevolmente cresciuta. In molti paesi sono disponibili strumenti, guide e criteri ambientali di riferimento. Tuttavia, la maggior parte dei bandi pubblici in Europa non incorpora ancora criteri ambientali efficaci e non porta all’acquisto di alternative sostenibili.

Il progetto GPP 2020 ha favorito la diffusione e l’adozione degli acquisti a bassa intensità di carbonio in Europa attraverso le seguenti attività:

  • I partner di progetto hanno adottato oltre cento bandi a bassa intensità di carbonio e hanno prodotto una  significativa riduzione delle emissioni di C02.
  • In Austria, Croazia, Germania, Italia, Olanda, Portogallo, Slovenia e Spagna sono stati realizzati eventi di formazione e di messa in rete sul tema dell’attuazione del GPP e della riduzione dei consumi energetici. Gli eventi sono stati rivolti sia ai responsabili degli acquisti che ai loro formatori.
  • Sono state create strutture permanenti di supporto per il GPP, come gli helpdesk, negli otto paesi target: Austria, Croazia, Germania, Italia, Olanda, Portogallo, Slovenia e Spagna.

GPP 2020 è stato co-finanziato dal programma Energia Intelligente Europa della Commissione Europea.

Risultati Finali

Chiedici i risultati!

  • Inviaci la tua e- mail e ti terremo aggiornato sui bandi a bassa intensità di carbonio
  • Unisciti al dibattito sul nostro Procurement Forum!
IEE

The sole responsibility for the content of this publication lies with the GPP 2020 project consortium. It does not necessarily reflect the opinion of the European Union. Neither the EACI nor the European Commission are responsible for any use that may be made of the information contained therein.